Piramidologia

Piramidologia

La piramidologia è una scienza con le radici che affondano a molte migliaia di anni fa e che ancora oggi regala tesori inimmaginabili a chi ha la fortuna di credere in essa.

Per affrontarla nel modo giusto non è necessario crederci come se fosse una fede totale ma solo approcciarla con una mente aperta e senza preconcetti.

La piramidologia si basa, in effetti, su teorie non consuete che possono generare perplessità. Se però si riesce a superare la diffidenza nelle novità, questa scienza risulterà avvincente e affascinante. Per questo motivo affronteremo la questione anche in maniera scientifica con la trattazione di esperimenti pratici effettuati da seri ricercatori.

La piramidologia, se seriamente e correttamente applicata, consente ad ognuno di giungere a risultati sia fisicamente che spiritualmente soddisfacenti ed appaganti.

Lo studio della Piramidologia

Gli studi sulla piramide di cui parleremo sono il frutto di 20 anni di sperimentazioni (dal 1970 al 1990) ed esperienze di un gruppo di ricercatori che hanno dedicato tutte le loro energie ad approfondire il tema della piramide.

Gli studiosi alla fine dei loro esperimenti hanno potuto affermare che la piramidologia, applicata a scopi terapeutici, consente la soluzione di molteplici patologie ed è positivamente operante anche nei casi in cui la medicina tradizionale ed altre forme di terapie non convenzionali hanno dovuto riconoscere la propria impotenza.

In questa sezione dedicata alla piramidologia vorrei riportare gli studi e le scoperte scientifiche a supporto di questa teoria. Lo scopo è di dimostrare che in varie parti del mondo sono molto attivi gruppi di ricercatori seri e professionali che stanno dimostrando basandosi su dati scientifici il potere curativo delle piramidi.

Tralascio volutamente la parte storica e leggendaria legata alle piramidi in quanto le varie ipotesi, pur se avanzate da ricercatori di fama internazionale, non sono state confermate e molti misteri rimangono ancora insoluti.

Ricordo che gli studi di cui parlerò sono stati effettuati tra il 1970 e il 1990 da un gruppo di sei ricercatori messicani diretti dal prof. Rodriguez Alvizo Luis Alberto.

Iniziano gli esperimenti sulla piramidologia

La prima piramide fu una copia in scala in cemento di quella di Chefren con un lato di 1 metro.

L’equipe voleva prima di tutto misurare le onde magnetiche all’interno della piramide attraverso tecniche di radiestesia (parlerò in un prossimo articolo della radiestesia e del suo legame con la piramidologia).

Il primo risultato sorprendente fu che i segnali magnetici aumentavano di giorno e diminuivano di notte. Ne dedussero che questo fatto si correlava alla positività del sole ed alla negatività della luna.

In seguito, per un evento fortuito su alcuni raspi di uva, scoprirono che la piramide aveva un effetto sulla materia organica e iniziarono a comprendere che sotto la piramide poteva esistere una realtà enzimatica diversa rispetto all’esterno.

Avevano scoperto per la prima volta una primordiale vitalità, legata alla risonanza magnetica, all’interno della piramide.

Gli effetti sulle piante

Piramidologia e pianteGli esperimenti del gruppo, dopo le prime entusiasmanti scoperte, continuarono sulle piante per capire gli effetti dell’energia della piramide sugli elementi del mondo vegetale.

Furono poste delle piccole piante sotto diverse piramidi e altre piante nella stanza. Non solo le piante sotto le piramidi crescevano più rigogliose, ma questo effetto era amplificato nel caso in cui si metteva un sottovaso di metallo sotto la pianta.

Il primo risultato cui giunsero fu capire l’importanza dell’uso di un “concentratore” metallico da porre sotto la piramide. Si tratta di un disco metallico di circa 20 centimetri che aveva lo scopo di concentrare ed amplificare l’energia della piramide.

Gli studiosi scoprirono che anche le grandi piramidi egizie avevano sotto la loro base un “concentratore”, ovviamente non era artificiale ma si trattava della Madre Terra con tutta la sua ricchezza di metalli che aveva posto sotto le piramidi.

L’energia cosmica che arrivava alle piramidi veniva quindi moltiplicata in potenza “naturalmente”.

Gli effetti su un cucciolo di cane 

Piramidologia sugli animaliDopo i risultati positivi ottenuti sulle piante, l’equipe di studiosi decise di provarne i benefici sugli animali.

In particolare su un cucciolo di Doberman di 10 mesi che la proprietaria descriveva come “asociale e turbolento”. Ormai non poteva più portarlo a passeggio perché era diventato pericoloso per gli altri cani e per le persone.

L’equipe decise di trattare il cane con la terapia della piramide, al fine di sperimentare se questa poteva incidere sul carattere e sul comportamento dell’animale.

Furono proposte tre sedute settimanali per 30/40 giorni, collocando la piramide sopra la cuccia del cane per due ore ogni seduta.

La padrona constatò che il cane era gradualmente e decisamente migliorato tanto che poteva passeggiare tra la gente senza problemi come in passato.

Purtroppo il cane si ammalò subito dopo a causa dell’ingerimento di qualche sostanza tossica. Il veterinario tentò di curare l’animale con le medicine classiche ma constatò l’impossibilità di salvarlo. Affermò che il cane sarebbe morto in poco tempo.

L’equipe di studiosi decise, quindi, di curare il cane con la piramide, anche se ormai si trovava in uno stato semicomatoso, non mangiava più e non riusciva a reggersi sulle proprie zampe.

L’animale fu tenuto per una settimana intera sotto la piramide e dopo tale periodo iniziò ad alzarsi e riprese a mangiare.

Era successo qualcosa di incredibile e che nessuno si sarebbe aspettato.

Grazie all’aiuto della terapia della piramide il cane visse ancora per molti anni.

Centro Terapeutico Khyma (Catalogna)

Piramidologia Centro Terapeutico Khyma (Catalogna)Al fine di dimostrare che la Piramidologia è una disciplina largamente utilizzata in diverse parti del mondo, vorrei presentare una serie di post per vedere come è utilizzata nei diversi centri di terapia.

Centro Terapeutico Khyma (Catalogna). Mark Pulido esegue terapie di armonizzazione integrale con speciali campane piatte, chiamate “bilas”. I suoi trattamenti producono meravigliosi effetti sonori a livello fisico, psichico e spirituale. Al suo lavoro si aggiunge l’effetto piramidale, con il quale si ottiene una rivitalizzazione e un’armonizzazione vibrazionale dal corpo fisico ai corpi sottili.

Le piramidi sono corpi geometrici che concentrano i campi energetici.

Al loro interno, viene generata una concentrazione e una circolazione di energia che inizia in ciascuno dei cinque vertici e converge nell’area centrale. In questa zona le molecole assorbono le vibrazioni per mezzo della risonanza.

L’applicazione dell’energia piramidale nella sfera della salute si basa sulla determinazione dell’equilibrio energetico della persona malata, fornendo energia vitale in base alle sue necessità. Questo rifornimento energetico è costituito dall’energia concentrata nel centro della piramide. In questo modo, sono stati ottenuti risultati positivi in patologie di sistemi molto diversi usando il metodo diretto di esposizione nella piramide o indiretto come con l’acqua piramidale.

Molte persone che hanno testato il potere delle piramidi sostengono che molti fenomeni possono accadere al loro interno. Nulla può marcire all’interno delle piramidi e solo i batteri simbionti con organismi superiori possono vivere senza problemi e nei loro margini ecologici. Le batterie a secco si ricaricano da sole, l’acqua è più pura, il cibo dura più a lungo, i semi germinano prima, i dolori diminuiscono, i bambini si calmano, la meditazione è più profonda, l’agilità mentale aumenta, la qualità del sonno migliora, l’impulso sessuale è più forte, genera miglioramenti del sistema immunitario, i processi naturali di guarigione sono accelerati, le preghiere diventano più efficaci, i fenomeni psichici sono più intensi, ecc.

CENTRO TERAPÉUTICO AURORA (NICARAGUA)

Centro piramidale Aurora NicaraguaIl Centro Aurora del Nicaragua utilizza la Piramide per i suoi effetti positivi sulla salute umana: anti-infiammatoria, analgesica, batteriostatica e calmante.

Il luogo principale per i trattamenti del centro terapeutico è una piramide di 6 metri di lato, al cui interno i pazienti godono di un profondo relax durante la terapia.

Grazie a questi effetti la piramide viene utilizzata anche in casi di emergenza per dare sollievo in pochi minuti in caso di distorsioni, ferite da taglio e contusioni in modo da limitare per il paziente l’utilizzo di antinfiammatori, analgesici e antibiotici.

La Piramide è utile anche per terapie prolungate come i reumatismi dove sono possibili complicazioni dovute a infezione batteriche che la piramide riesce ad eliminare completamente.

Nel centro vengono trattati pazienti anche affetti da sclerosi multipla sotto lo stretto controllo del Dr. Ulises Sosa Salinas, medico cubano famoso in tutto il mondo per essere un pioniere in questo campo. Iniziò ad occuparsi della piramide nel 1985 per curare i suoi pazienti nel campo ortopedico.

Tra gli altri pazienti trattati ci sono quelli affetti da asma, vene varicose e disturbi del sonno.

L’utilizzo della piramide per trattare varie patologie sta aumentando in tutto il mondo grazie a medici professionisti all’avanguardia che credono nella sua energia.

La scienza lo conferma! La Piramide di Giza concentra “Energia Elettromagnetica” nelle sue camere interne

Piramidologia e elettromagnetismoLa Grande Piramide continua ad essere al centro di studi da parte dei più importanti istituti internazionali.

Finalmente anche la scienza è riuscita a confermare quello che studi “non convenzionali” affermano da millenni, ossia il potere energetico della piramide.

Secondo gli ultimi studi, è stato dimostrato scientificamente che la Grande Piramide di Giza focalizza l’energia elettromagnetica al suo interno. In particolare nelle stanze della camera del Re e della Regina (che quindi non sono camere di sepoltura).

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Applied Physics da parte di un team di ricercatori tedeschi e russi.

Grazie a queste scoperte, le proprietà elettromagnetiche della piramide potrebbero essere utilizzate per creare celle solari ad alta efficienza.

Ovviamente rimane il mistero riguardo al fatto che gli antichi egizi non avevano le conoscenze scientifiche per costruire la piramide che focalizzasse l’energia al suo interno (non erano a conoscenza del concetto di energia elettromagnatica).

Non dimentichiamo, inoltre, che il potere della Piramide è ancora tutto da scoprire e che, probabilmente, era utilizzato anche come luogo di iniziazione e di “evoluzione” spirituale.

Nei secoli, importanti personaggi come Alessandro il Grande, Giulio Cesare e Napoleone passarono diverso tempo all’interno della grande piramide e tutti raccontano di aver avuto esperienze “mistiche”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*